5 lavori da remoto più richiesti nel 2022
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

5 lavori da remoto più richiesti nel 2022

Marzo 24 •
Lettura in 3 min

Vuoi lavorare da remoto ma non sai i lavori più adatti e richiesti nel 2022? Ecco una breve guida

Il 2022 si è aperto con ottimismo. Come sappiamo il mercato del lavoro ha risentito della crisi pandemica che ha coinvolto tutto il mondo. Sono stati anni duri in cui ognuno ha cercato di resistere e riqualificarsi in vista di tempi migliori. E questi sono finalmente arrivati.

Il remote working fa parte delle nuove dinamiche implementate per arginare il contagio. All’inizio era una logica non accettata perché scardinava modelli tradizionali, ma con il passare del tempo molte persone hanno capito i vantaggi e non vogliono più tornare indietro.

Ecco che quando cerchiamo lavoro consideriamo, tra le prime cose, la possibilità di lavorare da remoto. Se l’azienda propone una modalità totalmente in ufficio, si tende a riflettere se sia il caso di accettare, nonostante l’offerta sia in linea con le mansioni.

Non siamo più disposti ad accettare qualsiasi lavoro, perché con il remote working la qualità della vita è nettamente migliorata e si può raggiungere un maggior equilibrio tra lavoro e famiglia. Il remote working è ormai la normalità e i datori di lavoro devono comprenderne i vantaggi per i singoli lavoratori ma anche per il business aziendale.

Nuove abitudini

Tornare in ufficio è impossibile. E lo conferma una ricerca condotta da Linkedin pochi mesi fa. Secondo lo studio il 54% degli intervistati sta considerando di cambiare lavoro per cercare modalità ibride già dall’anno scorso.

Il 59% delle persone ha dichiarato che la maggiore flessibilità è un fattore importante nel considerare nuove opportunità di lavoro, in aggiunta a questa percentuale vi è un ulteriore 21% che ha affermato di trovarsi fortemente d’accordo con questa affermazione.

Quasi 3 lavoratori su 10 hanno affermato che la maggiore diffusione del lavoro flessibile li ha resi più fiduciosi nel pensare di provare un nuovo ruolo e in simile percentuale hanno dichiarato che grazie a questi nuovi modelli sono persino spinti a provare una nuova carriera.

Il 90% degli intervistati si sente sicuro del suo attuale ruolo lavorativo, tanto che il 63% ha maturato abbastanza sicurezza da essere spinto a chiedere una promozione o a candidarsi per un ruolo più alto rispetto a quello in cui si trova ora.

La pandemia ha modificato le priorità. Quasi la metà ha dichiarato che prenderebbe in considerazione l’idea di cambiare la sua posizione lavorativa attuale per una con un salario maggiore. Ma, di poco sotto, il 38 % ha dichiarato che lo farebbe per un migliore equilibrio tra vita personale e lavorativa.

Il country manager di Linkedin Italia ha dichiarato che:

“Nonostante l’emergenza pandemica globale stia generando non poche incertezze e difficoltà nel mondo del lavoro, i dati a nostro supporto ci mostrano, da un lato, dipendenti sempre più ambiziosi e disposti ad abbandonare un incarico stabile per affrontare nuove sfide e dall’altro le aziende che per adattarsi alla nuova normalità, si focalizzano sempre più su flessibilità del posto di lavoro, attenzione al benessere dei dipendenti e cultura come fattori principali per attrarre i migliori talenti”.

I nuovi trend come velocità del settore tecnologico e nascita di nuove professioni sono la risposta alle attuali esigenze del mercato e alla digital transformation.

2022: i lavori più richiesti da remoto

Ma quali sono allora quei lavori che possiamo svolgere da remoto e che saranno più richiesti nel 2022?

Linkedin ha stilato una classifica dei lavori più richiesti per il 2022. Tra questi troviamo:

1. Talent acquisition specialist

2. Cyber security specialist

3. Sviluppatore back-end

4. Sviluppatore front-end

5. Addetto all’assistenza dei clienti

Sono tutte mansioni che non richiedono necessariamente la presenza in ufficio e possono essere svolte da qualsiasi luogo si desideri. La formula da remoto può essere mitigata alternando giorni in presenza e giorni fuori dall’ufficio, così da rendere più dinamico il lavoro e potersi confrontare direttamente con i colleghi.

Attenzione però se si vuole cambiare posizione lavorativa e iniziare una professione da remoto, è importante formarsi. La concorrenza è tanta e la prima regola è cercare di spiccare tra molti.

Le 5 posizioni individuate sono specialistiche e hanno bisogno di un competenze tecniche particolari. Non si possono improvvisare e non basta avere passione per il settore.

Una buona strada da seguire è frequentare un Master professionalizzante, che dia cioè subito la possibilità di mettere in pratica le nozioni acquisite e che sia calato perfettamente nelle nuove dinamiche lavorative. L’aggiornamento dei materiali, infatti, è uno dei requisiti più importanti da considerare quando si sceglie un Master.

AcademyQue, prima Digital & Business School, eroga Master e Corsi da remoto e si impegna per rispondere alle nuove richieste del mondo lavorativo proponendo un’esperienza formativa al passo con i tempi e di altissimo valore.

Tutti i piani didattici sono ideati da un Dipartimento Didattico interno e i servizi proposti, come quello del Tutor o del Coach, sono ideati per aiutare all’Allievo ad inserirsi velocemente in un’azienda, valorizzando le sue potenzialità.

I Master in Risorse Umane, Cyber security e IT, che sono proprio i settori maggiormente richiesti per il 2022, stanno per chiudere le iscrizioni.

Non ti resta che dare uno sguardo al sito e iniziare il tuo percorso formativo. Finalmente in poco tempo farai il lavoro che ti piace, e… su una bella spiaggia paradisiaca! 

Ti è piaciuto questo articolo?

Puoi dimostrarlo con un clap, un commento oppure spargendo la voce!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Ricevi nuovi articoli via mail

Leggi di più sulle prossime notizie

Scarica la Guida allo Smart e Remote Working

Commenti

Lascia un commento