le migliori opportunità per i lavoratori del settore it
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Le migliori opportunità per i lavoratori del settore IT

Settembre 6 •
Lettura in 3 min

Se l’IT ti appassiona, oggi puoi trovare un lavoro nuovo e redditizio. Scopriamo come e perché

Stiamo vivendo quella che è conosciuta come “rivoluzione digitale”, una trasformazione che coinvolge la nostra quotidianità ma anche il nostro lavoro. In questa prospettiva di cambiamento globale che non accenna a diminuire, ma anzi ad aumentare, le professioni digitali, in particolar modo quelle del settore IT, sembrano avere lunga vita e mostrare una forte crescita.

Ma cos’è il settore IT?

Per IT – Information Technology – si intende l’insieme di metodi che sono utilizzati per archiviare, trasmettere ed elaborare le informazioni attraverso l’uso di reti e attrezzature di telecomunicazione. L’IT può essere considerato l’ambito delle tecnologie digitali relative allo sviluppo di hardware e software e all’ottimizzazione della gestione dei dati.

Si comprende come nella nuova era digitale il settore IT sia decisivo per trainare il cambiamento e scandire una traslazione ormai inevitabile. Secondo Linkedin, infatti, la richiesta di sviluppatori software, sviluppatori web, sviluppatori full-stack e specialisti del cloud è cresciuta di quasi il 25% da aprile-ottobre 2019 ad aprile-ottobre 2020.

Lavoro del futuro

Cavalcando il nuovo mondo, il programmatore aiuta le aziende a trasformarsi, ottimizzando i sistemi e l’interfaccia con i clienti. È colui che pone le basi stesse del digitale, sulle quali poggerà l’intero assetto informatico. Si tratta di una figura professionale che si carica di responsabilità, perché decisiva nel processo di digitalizzazione.

Essere programmatore presenta importanti vantaggi:

  • è un lavoro che si può svolgere in remoto. Questo significa che puoi connetterti da qualunque parte del mondo e non è necessario trasferirsi nella città sede dell’azienda. È un’opportunità importante che abbatte i costi di affitto e mezzi ma anche perché allarga la ricerca lavorativa, non più circoscritta al proprio paese o regione
  • è un lavoro in cui si guadagna. In Europa, gli stipendi degli sviluppatori software generici sono destinati ad aumentare, da € 39.500 a € 55.000 in media nel 2021, da €42.000 a € 57.000 nel 2022 per i profili con molta esperienza. Tra le retribuzioni più basse troviamo quelle di figure entry-level con scarsa esperienza o meno specializzate, mentre profili con più anni di lavoro alle spalle godono di retribuzioni molto più elevante. Gli stipendi per i ruoli dei manager dell’IT dovrebbero rimanere gli stessi almeno per tutto il 2021

Possiamo affermare, allora, che lavorare nel settore IT sia il futuro. Sono sempre di più le aziende, che hanno avviato la digitalizzazione dei loro processi e che, quindi, richiedono degli specialisti del settore.

Come si diventa programmatori?

Non esiste una strada univoca ma una parola d’ordine sì: formarsi. La classica Università spesso non prepara lo studente al lavoro, perché rimane slegata dalla realtà e molto legata ai libri. In questo modo terminati gli studi, non si è pronti.

Importanti, allora, i Master e i Corsi di Specializzazione che permettono di completare le proprie conoscenze e fare esperienza “sul campo”. Questi possono essere frequentati da chiunque, anche senza una laurea: l’importante è essere appassionati del settore e impegnarsi a mettere in pratica tutto ciò che di nuovo si apprende.

AcademyQue, prima business school totalmente online, da poco ha lanciato il nuovo Bootcamp. Si tratta di un Master che, come un vero e proprio “campo di addestramento”, fornisce tutte quelle competenze digitali, e non, per penetrare nel settore IT e, soprattutto, iniziare subito a lavorare.

Seguendo la divisione dei profili IT, AcademyQue è riuscita a captare i veloci cambiamenti che la nostra società sta vivendo e a implementare un piano didattico efficace, fondato sul metodo blended. Questo è un modo nuovo di insegnare e apprendere, che rispetta la diversità di ciascun allievo, consente la partecipazione attiva, rimuove le barriere e anticipa e considera una varietà di esigenze e preferenze di apprendimento. Per questa ragione vengono utilizzati più canali, più media come: live streaming, on demand, webinar, workshop, project work.

Se vuoi cambiare la tua vita, iscriviti subito!

Ti è piaciuto questo articolo?

Puoi dimostrarlo con un clap, un commento oppure spargendo la voce!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Ricevi nuovi articoli via mail

Leggi di più sulle prossime notizie

Commenti

Lascia un commento